Categoria: News

Storie di New York: Nadia Urbinati

Storie di New York: Nadia Urbinati Nadia Urbinati, intervistata da Vicenzo Pascale per le “Stanze italiane”, parla delle democrazie di oggi a partire dal concetto di popolo, soggetto collettivo che, pur non esistendo nella realtà empirica, viene raffigurato come “unità” da chi intende ottenere consenso o sentirsi legittimato nell’agire. Professoressa di teoria politica alla Columbia University, Urbinati vanta un gran numero di pubblicazioni:

2022-04-01T10:28:34+02:00

Storie di New York: Aurélie Paradiso

Storie di New York: Aurélie Paradiso Davanti al Caminetto delle “Stanze italiane” prosegue la serie “Storie di New York”, condotta da Vincenzo Pascale (Long Island University di Brooklyn) che intervista, questa volta, Aurélie Paradiso, architetta e designer di interni. Aurélie Paradiso è nata in Svizzera da madre franco-svizzera e padre italiano, ha tre passaporti (svizzero, italiano e statunitense) e parla tre lingue. Viaggia

2022-03-21T16:32:17+01:00

Constancia – Lezioni Federiciane

Constancia - Lezioni Federiciane Il progetto “Constancia. Donne e potere nell’impero mediterraneo di Federico II” è accompagnato da un ampio ciclo di video-lezioni (disponibile nella Biblioteca delle “Stanze italiane”) a cura di Francesco Somaini, coordinatore del nuovo Centro Studi Medievali dell’Università del Salento, dedicate alla civiltà federiciana. «Questa mostra newyorkese – sottolinea Somaini – si propone di tornare a riflettere su un’età indubbiamente importante

2022-06-06T14:49:40+02:00

Constancia. Donne e potere nell’impero mediterraneo di Federico II

Constancia. Donne e potere nell'impero mediterraneo di Federico II Quattro donne con lo stesso nome legate all'imperatore svevo al centro di una mostra all’Istituto Italiano di Cultura di New York New York, 686 Park Avenue, 7 marzo - 8 aprile 2022 [inaugurazione lunedì 7 marzo] Costanza d’Altavilla, regina e imperatrice (1154-1198), madre di Federico II; la prima moglie dello Stupor mundi, l’imperatrice Costanza

2022-03-07T12:39:38+01:00

Constancia – Lo Steri di Palermo

Constancia - Lo Steri di Palermo Ha mutato diverse volte la sua destinazione d’uso: residenza dei Viceré spagnoli, ha ospitato gli uffici della Dogana, è stato Tribunale della Santa Inquisizione, oggi è sede del Rettorato dell’Università di Palermo. Edificato agli inizi del Trecento da Manfredi I Chiaramonte: si tratta dello Steri di Palermo, luogo la cui storia plurisecolare viene ripercorsa dai docenti Maria

2022-03-05T17:36:09+01:00

We Love Art

We Love Art We Love Art è il progetto della Farnesina e della Fondazione CDP per promuovere all’estero le opere di otto giovani artisti che hanno saputo unire l’arte con l’industria. Un tour internazionale, in collaborazione con ambasciate, consolati e Istituti Italiani di Cultura, che è partito da Seoul e ha fatto tappa anche all’Istituto Italiano di Cultura di New York dove la

2022-02-28T22:57:55+01:00

Constancia – I tesori di epoca federiciana della Cattedrale di Palermo

Constancia - I tesori di epoca federiciana della Cattedrale di Palermo Dal “diaconicon”, una delle due absidi di età normanna, della Cattedrale di Palermo, uno dei luoghi più suggestivi della civiltà mediterranea, dove si incontrano le tradizioni del nord Europa da un lato e quelle arabe e musulmane, romaniche e bizantine dall’altro, comincia nella Galleria delle “Stanze italiane” il percorso digitale che l’Istituto

2022-03-07T12:17:16+01:00

Salvatore Garau: il valore delle idee

Salvatore Garau: il valore delle idee Sculture invisibili come immagini del nostro tempo presente. È il progetto di Salvatore Garau che, dopo una prima esposizione in Sardegna, ha portato Buddha in contemplazione a Milano in piazza Scala, e Afrodite piange a New York con l’idea di esporre sette sculture invisibili in altrettante città. Afrodite piange esposta a Wall Street è anch’essa figlia dei

2022-02-24T19:03:26+01:00

Un inedito gioiello di Federico II da Palermo a New York

Un inedito gioiello di Federico II da Palermo a New York Dal 7 marzo all’Istituto Italiano di Cultura di New York nella mostra Constancia. Donne e potere nell'impero mediterraneo di Federico II anche il quarzo cabochon rinvenuto nel sarcofago dell’Imperatore È rimasto per decenni in cassaforte, ma la sua brillantezza non si è mai offuscata. Torna alla luce ed è pronto a partire

2022-03-07T12:16:35+01:00

Charles H. Traub

Charles H. Traub «Vedi le nostre debolezze, ci spogli e ci denudi, fai l’amore attraverso la telecamera e infine ci veneri». Così diceva del fotografo americano Charles H. Traub, Luigi Ghirri. Charles H. Traub ha iniziato la sua carriera fotografica nella New York del 1967 ma l’obiettivo fotografico è stato spesso rivolto all’Italia. Nei primi anni ’80 Traub compie un vero e proprio

2022-02-14T15:36:16+01:00
Carica altri articoli
Torna in cima